Primped by Alessandro Milzoni

 

Il must del prossimo inverno

 

Una donna senza cappello non sarai mai chic” scriveva Emily Post.

Ad ogni viso, però, il suo cappello, e Primpy questo lo sa bene. 

Per questo, ha deciso di proporvi qualche piccolo consiglio per non sbagliare mai.

Da secoli, il cappello è indice di eleganza e completezza estetica per donne e uomini di tutti i ceti sociali, e mai come oggi è di grande tendenza.

Che tu sia un gentleman o una lady, il cappello è forse l’accessorio più difficile da scegliere. Alcuni di noi sono adatti ad un tipo, altri ad un altro (altri non lo sono affatto). Tutto dipende dal volto.

Scopri quali sono le regole che Primpy ti vuole rivelare per avere sempre il cappello perfetto.

VISO A MATTONE

Comunemente caratterizzato da una fronte alta e una mascella allungata, il viso a mattone richiama molto la forma di un grande rettangolo. Volendo quindi contrastare questo allungamento e dare armonia al viso, bisognerebbe scegliere un cappello che sappia bilanciare. Perfetto sarebbe un cappello a tesa larga e corona (cupola) bassa: per la donna ideale e la cloche retrò, per nascondere la fronte ampia, per l’uomo il modello borsalino in feltro, estremamente elegante. Da evitare i cappelli con corone alte, che allungano ancora di più.

VISO A CUORE

Fronte ampia, zigomi tondi e pronunciati e il mento a punta: con un po’ di fantasia si riconosce la forma del cuore in questo viso. La scelta del cappello è abbastanza facile , poiché molti modelli si prestano a questo tipo di viso, eccezion fatta per quelli a tesa larga. Infatti un cappello dalle falde medie, non troppo larghe, ma nemmeno troppo strette, equilibra bene la larghezza della fronte e addolcisce gli zigomi gonfi. Libero accesso al basco e la paglietta per lei e al berretto o al fedora (a tesa media!) per lui.

VISO A TOAST

Simpaticamente identificato nella forma di un invitante toast, questo viso ha una forma quadrata, caratterizzato da una fronte ampia e una mascella pronunciata. La lunghezza del volto è uguale alla sua larghezza. Un cappello con corona e tesa circolare, è la scelta più azzeccata per ammorbidire i lineamenti del viso e danno l’illusione che esso sia più sinuoso e arrotondato. Primpy consiglia per la donna di oggi il basco che attenua molto il contorno viso, se poi lo porti di lato ti darà ancora più risalto, rompendone la simmetria. Per l’uomo, invece, un intramontabile modello homburg dal tocco retrò, oppure un casual unisex modello toque portato morbido di lato. No ai cappelli senza tesa.

VISO A UOVO

Se hai una fronte non troppo grande, due zigomi alti e proporzionati e un mento fine, allora stai godendo della nostra invidia. Al viso a uovo si possono abbinare tutti i tipi di cappelli. Avendo linee sinuose e forme proporzionate, ci si può sbizzarrire con la fantasia. Attenti però alla vostra figura al completo: se siete basse/i non scegliete cappelli a tesa larga, ma preferite quelli con la corona alta; viceversa le persone alte potranno vestire cappelli a falde larghe (ma senza esagerare, se no somiglierete a dei lunghi lampioni).

VISO A MONETA

Attaccatura dei capelli circolare, mento arrotondato e guance piene: il viso a moneta ricorda molto un grande tondo. Non è né in carne né paffuto, ma le linee solo addolcite e vige la totale assenza di spigoli. Un viso come questo necessita di rompere la noiosa simmetria per dare risalto alle rotondità rendendole più definite. L’obiettivo è dunque scegliere un cappelli che crei forme e spigoli  per definire e accogliere meglio il volto. Un modello a tesa dritta e corona alta è il più adatto, come un berretto da baseball o un modello borsalino. Da evitare corone e falde circolari che accentuano ancora di più le linee tondeggianti.

VISO A PERA

Somiglia molto a un triangolo, ha la fronte bassa e si allarga dallo zigomo al mento. Visivamente è più lungo che largo. Spigoloso o arrotondato, il mento è la parte più ampia del viso. Dato che la larghezza dell’insieme è nella parte bassa del volto, si può giocare con tantissimi modelli di cappello nella parte alta. Come per il viso a uovo, può dare sfogo alla fantasia e divertirti con modelli e tagli particolari. Attenta però a non usare cappelli con la corona più piccola degli zigomi o farai risaltare la grandezza del mento.